Il tuo stesso mare – Paolo Cordaro

L’asfalto è ancora viscido della notte, la primavera qui non e ancora arrivata, cammino lungo il corso colmo di botteghe che sprigionano il caratteristico profumo di confetti; assaporandone uno, facendolo sciogliere in bocca come ostia, mi avvio verso la stazione, sotto lo sguardo fulminante dei passanti; un’altra fermata, questa volta in una pelletteria, per travasare il contenuto del mio sacco nero in qualcosa di più decente, di meno appariscente.

Il racconto vincitore della prima edizione del concorso Parole In Viaggio ora disponibile in ebook.

LettoriVirali

Da Lettori Virali non si guarisce, si cresce.

I tuoi pensieri sono sempre graditi